italplasma 2012

Italian English French

Rifiuti impianti siderurgici

Nel passaggio degli impianti ILVA di Taranto, Genova e Novi Ligure alla nuova società Am Investco Italy, formata da Arcelor Mittal e Marcegaglia, ITALPLASMA propone l’applicazione della torcia al plasma per la soluzione del problema dei rifiuti e delle polveri siderurgiche, altamente nocive per i lavoratori e gli abitanti delle aree circostanti gli impianti.

Le operazioni di manipolazione dei metalli, nell’industria siderurgica, sono tra quelle classificate come a più alto rischio di salute. I metalli infatti, durante tutte le fasi di lavorazione, rilasciano nell’aria sostanze dannose per l’organismo umano. Nello specifico, i fattori di rischio sono rappresentati dalla fusione dei composti, dall’uso delle polveri di quarzo e metalli vari, dai fumi dell’ossido di ferro e da gas e vapori quali CO, HCN, acido solfidrico, benzene, IPA, dalle fibre di amianto e talco. Le fibre liberate nell’aria, si depositano nelle vie respiratorie a causa della loro elevata inalabilità e delle loro minuscole dimensioni.

Nella siderurgia il rischio maggiore è dato dall’uso degli altiforni necessari per la produzione e colatura della ghisa a ciclo continuo. Gli operai addetti sono esposti a percentuali di concentrazioni di polveri superiori a quelle rilevabili in altri reparti. Inoltre, le diossine prodotte dagli altiforni si ritrovano tanto nei fumi quanto nei residui da smaltire.

Tutte le patologie respiratorie a carico dei polmoni, generate dalla esposizione prolungata agli inquinanti atmosferici e loro inalazione, vengono classificate come pneumoconiosi e sono di natura fibrotica o tumorale.

Per lo smaltimento dei rifiuti siderurgici e l’inertizzazione delle polveri, le alte temperature che la torcia al plasma riesce a sviluppare consentono, in modo efficiente e a bassissimo impatto ambientale, non solo lo smaltimento delle polveri e la drastica riduzione dei rifiuti siderurgici, ma anche la loro trasformazione in leghe ed il recupero di alcuni metalli.

Colossi siderurgici europei come SKF Steel già da anni fanno ricorso alla tecnologia al plasma per il trattamento dei rifiuti e delle polveri siderurgiche con risultati estremamente lusinghieri.

ITALPLASMA, inoltre, propone l’applicazione della tecnologia al plasma nel settore del nucleare di basso tenore per il raggiungimento degli obiettivi strategici previsti dal decommissioning degli impianti: l’utilizzo di questa tecnologia, infatti, riduce drasticamente il volume del materiale destinato alle discariche speciali, consentendo costi estremamente contenuti.

News & Media Eventi Rifiuti impianti siderurgici